11 maggio 2017

Performance



UniCredit: oltre 900 milioni di utile

Il CdA di UniCredit ha approvato i risultati del primo trimestre 2017, chiuso con un utile netto di 907 milioni di euro che si confronta con l’utile di 645 milioni conseguito nel primo trimestre 2016 (+40,6% a/a) e la perdita di 352 milioni del quarto trimestre 2016.
In netto miglioramento anche il RoTE, che ha raggiunto il 9,4% rispetto al 6,1% del primo trimestre 2016; escludendo dal conto gli effetti derivanti dalla vendita di Bank Pekao e Pioneer, e assumendo il pieno impatto dell’aumento di capitale sull’intero trimestre, il RoTE rettificato si attesta comunque al 7,0 per cento.

Ricavi in crescita e rettifiche in calo

Il conto economico presenta ricavi in aumento a 4,8 miliardi di euro (+3,4% a/a, +11,7% trim/trim), con il margine di interesse in lieve calo su base annuale a 2,6 miliardi (-2,5% a/a, +6,2% trim/trim) e le commissioni in crescita a 1,5 miliardi (+4,5% a/a, +13,5% trim/trim) sostenute soprattutto dalla performance delle commissioni da servizi di investimento; in forte crescita inoltre i ricavi da negoziazione (590 milioni, +75,1% a/a e +28,6% trim/trim), beneficiando in particolare dei ricavi relativi ad alcune operazioni che hanno coinvolto clienti di grandi dimensioni di Cib, mentre i dividendi e gli altri proventi si sono attestati a 170 milioni (-19,7% a/a, +15,0% trim/trim).

UniCredit primo trimestre 2017

Key financial figures – RoTE at 7% at Capital Markets Day perimeter in 1Q17 (9.4% stated)

I costi totali del primo trimestre diminuiscono invece a 2,9 miliardi di euro (-3,0% a/a, -1,5% trim/trim), con le spese per il personale a quota 1,8 miliardi (-4,2% a/a, +5,4% trim/trim, ma in calo anche su base trimestrale al netto del rilascio della componente di retribuzione variabile) e le altre spese amministrative in calo a 1,1 miliardi (-1,1% a/a, -10,6% trim/trim), per un cost/income al 59,7%, in recupero rispetto al 63,7% del 1° trimestre 2016 e al 67,7% del 4° trimestre 2016.
Il margine operativo lordo si è attestato di conseguenza a 1,9 miliardi (+14,6% a/a, +39,4% trim/trim).
In diminuzione le rettifiche su crediti (670 milioni di euro, -11,8% a/a, -54,9% trim/trim), con il costo del rischio che si attesta a 60 bps (-8 bps a/a, -72 bps trim/trim).
Infine il margine operativo netto del primo trimestre 2017 risulta pari a 1,3 miliardi di euro rispetto ai 938 milioni del primo trimestre 2016 (+36,1% a/a) e al risultato negativo (-89 milioni) nel quarto trimestre 2016.

Sofferenze in calo, patrimonializzazione ok

Al 31 marzo 2017 i crediti verso la clientela ammontano a 419,3 miliardi di euro (+0,3% trim/trim, -0,4% a/a), con esclusione delle controparti di mercato come i pronti contro termine. Al netto della riduzione della Non-Core, i crediti verso la clientela sono saliti dello 0,5% trim/trim e del 3,4% a/a. La raccolta della clientela si è attestata invece a 391,6 miliardi di euro (-1,1% trim/trim, +3,2% a/a) sempre escludendo le controparti di mercato.

UniCredit primo trimestre 2017

Group –Trading income benefitting from large client driven transactions. Dividends increased thanks to a strong seasonal performance of Turkey

In crescita le attività finanziarie totali a 796,8 miliardi (+5,4 mld trim/trim, +30,2 mld a/a), con la raccolta gestita che si è attestata a 203,4 miliardi (+6,3 mld trim/trim, +15,3 mld a/a) sostenuta dal miglioramento delle dinamiche commerciali, mentre la raccolta amministrata è salita a 212,9 milairdi (+1,5 mld trim/trim, +0,2 mld a/a) e i depositi si sono attestati a 380,5 miliardi (-2,4 mld trim/trim, +14,7 mld a/a).
A livello di qualità dell’attivo, invece, le esposizioni deteriorate lorde ammontano a 55,3 miliardi di euro (-1,8% trim/trim, -28,2% a/a), mentre il rapporto tra le esposizioni deteriorate lorde e il totale crediti che si è ridotto all’11,4% (-0,4 pp trim/trim, -4,1 pp a/a). In calo anche le esposizioni deteriorate nette a 24,2 miliardi di euro (-3,4% trim/trim, -35,6% a/a), con il rapporto esposizioni deteriorate nette/totale crediti al 5,3% (-0,3 pp trim/trim, -2,9 pp a/a), mentre il tasso di copertura si è rafforzato al 56,3% (+0,7 pp trim/trim, +5,0 pp a/a). Inoltre le sofferenze lorde diminuiscono a 31,1 miliardi di euro (-2,2% trim/trim, -38,8% a/a), con un rapporto di copertura in miglioramento al 66,6% (+1,0 pp trim/trim, +5,8 pp a/a). Si riducono anche le inadempienze probabili lorde (22,9 mld, -1,3% trim/trim, -5,3% a/a) e i crediti scaduti deteriorati (1,3 mld, -2,4% trim/trim, -36,9% a/a).

UniCredit primo trimestre 2017

Group – Solid CET1 ratio FL at 11.45% after successful 13bn capital increase, above 12% considering Pioneer & Pekao disposals and RWA dynamics expected in 2017

Infine, per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali, al 31 marzo 2017 il CET1 ratio fully loaded si attesta all’11,45%, in miglioramento di 30 bps rispetto al CET1 ratio registrato nel quarto trimestre 2016 dopo l’aumento di capitale e di 100 bps rispetto al 1° trimestre 2016. In progresso anche il CET1 ratio transitional all’11,71% (rispetto all’11,49% del 31/12/2016 e al 10,31% del 31/03/2016).

Related posts:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS 2.0